google-site-verification: google933a38d5a056903e.html
Canzoni del cuore

Il sottile filo rosso che lega Joan Baez ai Judas Priest si chiama Dylan.

Di 11 Maggio 2020 6 Commenti

Più andiamo avanti nella vita e più tracce ci lasciamo alle spalle. Come i sassolini e le briciole di Hansel e Gretel, dietro a noi lasciamo segnali di una vita che, camminando, si fa sempre più breve. Alcuni segnali che lasciamo sono e resteranno irrilevanti, dimenticabili se non per la loro trascorsa esistenza, altri sono punti che rivivremo fino all’ultimo momento, nel loro dolore o nella loro estrema felicità. Perché il dolore e la felicità, in fondo, spesso coincidono o comunque riescono, maledetti loro, a sovrapporsi, segnando…indipendentemente dai segnali che vorremo lasciarci dietro le spalle… momenti importanti delle nostre vite. Alzi la mano chi, ricordando una vicenda finita male, non ne ha delimitato quei momenti topici con memorie che sarà condannato a ricordare ogni volta che inciamperà, anche involontariamente, su quelle minuscole briciole che ha disseminato dietro di sé.

Un profumo, una parola, un luogo, un deja vù, una canzone faranno riaffiorare in modo crudele e lucidissimo un momento che comunque, si spera, ha lasciato una cicatrice che starà lì solo a ricordarti che “hai vissuto anche tu”. Perché le cicatrici servono esattamente a quello : a ricordarti che adesso stai bene, ma che in quel momento sei stato fesso. O troppo buono e ingenuo. E che adesso devi fare attenzione.

Mi piace pensare che anche un Dio del Metallo – per come intenda il genere ancora oggi io stesso, perché per me, giusto o sbagliato che sia, non dovremmo andare oltre un certo suono per non diventare ridicoli zimbelli da sedicenni come pare le nuove tendenze abbiano scelto di fare – come Robert Halford, avesse deciso di prendere la Diamonds and Rust della Baez, ossia quanto di più lontano potesse esserci dal suo modo di intendere il rock and roll, proprio perché a quei tempi, nella sua vita, aveva appena lasciato un sassolino dietro alle sue spalle e reinterpretare quel brano fosse un modo come un altro per lui per fare un passo avanti.

La storia di quel pezzo è complessa e al tempo stesso banalmente semplice nella sua tragicità e se è vero che la struttura del pezzo dei Judas Priest era e resta una lama affilata, delegando alla sola forza sonora di descrivere il momento, la parole di Joan Baez erano stiletti accuratamente selezionati e conficcati nell’immagine di un ricordo che, alla fine del testo, ci rende uno dei due soggetti umanamente a brandelli. Così come a pezzi resta, pur nel suo immenso coraggio, il narratore. Qui la vicenda.

Joan Baez, ai tempi del famoso amore con Bob Dylan, era già “la Baez“. Famosa, bella, luminosa, una cantastorie con forti risvolti politici e sociali che avrebbe influenzato un mondo intero di cantautori, italiani inclusi. Ossia, i confini del mondo della musica popolare. Con il Dylan, giovane talento in esplosione, corrosivo, coraggioso, diverso da tutti ma pur già, musicalmente, quella spugna che tutto assorbe e filtra, l’amore fu immediato. I due divennero la coppia più amata e presente, dai palcoscenici alla televisione, ai tour insieme. Erano inseparabili, i rappresentanti del sogno d’amore americano : due stelle in un’unica galassia. Poi, non importa come e perché, non lo sapremo mai, l’idillio finì; era il 1965. Accade, esattamente come è accaduto a ognuno di noi. E’ in quel momento che la vita ti suggerisce di iniziare a disseminare sassolini e briciole alle tue spalle : per ritrovare e ricordare la via quando, accidentalmente, la attraverserai di nuovo, come girando in cerchio.  E la Baez scelse l’unico sassolino possibile, per una cantautrice : scrisse Diamonds and Rust.  E’ bene dirlo subito : ho amato ed amo tutt’ora Dylan; fino ad un certo punto è rimasto uno dei miei cento artisti preferiti, prima di decidere di perderlo. A lui riconosco una liricità ed una metrica rara, splendidamente lineare a tratti, ruvida e contorta in altri; Dylan ha scritto canzoni d’amore che avrei da sempre voluto sapere scrivere per chi lo meritava e cantargliele. Perché solo così, forse, sarei riuscito, ognuno di noi sarebbe riuscito, a esprimere in modo lirico un sentimento altrimenti cieco, soffocato. Non è l’unico , ma resta uno dei pochi che abbia saputo cantare l’amore, raccontando di altro. Ma quello che Joan gli scrisse, resta per me quanto di più devastante e tragico e doloroso mi sia mai capitato di afferrare dentro le righe di una canzone.

Tutto parte da una situazione comune : ad amore finito, lui telefona a lei ed improvvisamente riemergono ricordi e sofferenze come un cadavere in mare. Un fantasma che lei immagina come un lupo mannaro. Lei descrive in poche vivide immagini il loro amore i loro momenti, un piccolo regalo, un abbraccio, un respiro condensato in una giornata gelida e chiude il quadro con una frase agghiacciante : “Per me saremmo potuti morire lì, in quel momento”. Come a cristallizzare un ricordo che però emerge al tempo stesso in modo straziante, che ti costringere a guardare a terra e ritrovare quel sassolino, quel segnale che ti fa ricordare… ed allora… “Ti ho amato dolcemente e tu adesso mi offri diamanti e ruggini per cui ho già pagato”.  Scorrendo l’intero testo è impossibile non immedesimarsi, così come è impossibile non far uscire l’immagine di Dylan devastata, ridotta a brandelli, con sole poche parole, nascoste proprio come diamanti taglienti all’interno dell’intero testo. Una canzone che per anni, devo ammettere di non essere mai più riuscito ad ascoltare, tanto sconvolgente mi sembravano quelle parole, tanto dolore e tristezza sentivo colare da quelle immagini e che, forse, mi facevano inciampare dentro ai miei sassolini dimenticati.  Poi, la vita ti spinge ad andare sempre oltre; e persino la Baez ha poi saputo cantare le canzoni di quel Dylan, che forse riusciva a rispettare di nuovo come autore, ma, immagino, mai più come uomo.

Il nostro Halford piomba su Diamonds and Rust come un falco. Ne cancella qualsiasi riferimento all’uomo, ne riduce un testo generico seppur sempre potente e con i Judas Priest… a proposito : seppur parzialmente negata, l’origine del nome del gruppo potrebbe riferire a The Ballad of Frankie Lee and Judas Priest proprio di Dylan, anche se Judas priest è esclamazione comune corrispondente al nostro Dio bono… ne fa un cavallo di battaglia. Un pezzo che musicalmente ci porta lontanissimo dall’atmosfera originale, mantenendo la sola linea melodica di base, forse e … questo è davvero un paragone moooolto azzardato… quasi tanto quanto la Watchtower di Hendrix si allontanava dalla originale di Dylan…sempre lui… ma sicuramente uno dei miei brani preferiti del suo gruppo. Anche se nella versione rock il taglio chirurgico è delegato al suono, mentre nell’originale il colpo di scimitarra è lasciato alla parola.

Ne uccide più la lingua della spada, abbiamo sempre sentito dire. Mai il proverbio è stato più realistico che in questo caso. Bang Bang, cantava Sonny Bono… Joan non ha neppure dovuto sparare.

Testo originale

Well, I’ll be damned                                                            Che sia dannata,
Here comes your ghost again                                            Ecco riemergere ancora il tuo fantasma
But that’s not unusual                                                         Ma non è insolito
It’s just that the moon is full                                              Forse è perché c’è luna piena
And you happened to call                                                   E ti è capitato di chiamare
And here I sit                                                                         Ed io sono qui, seduta
Hand on the telephone                                                        La mano sul telefono
Hearing a voice I’d known                                                  Ad ascoltare una voce che conoscevo
A couple of light years ago                                                  Un paio di anni luce fa
Heading straight for a fall                                                   Mentre andavo dritta verso un disastro

As I remember your eyes                                                    Come ricordo i tuoi occhi
Were bluer than robin’s eggs                                             Che erano più blu delle uova di Pettirosso
My poetry was lousy you said                                            La mia poesia fa schifo, dicevi
Where are you calling from?                                              Da dove chiami ?
A booth in the midwest                                                       Una cabina nel midwest
Ten years ago                                                                         Dieci anni fa
I bought you some cufflinks                                               Ti ho comprato dei gemelli
You brought me something                                                Tu mi avevi portato qualcosa

We both know what memories can bring                        Sappiamo entrambi cosa portano i ricordi
They bring diamonds and rust                                           Portano solo diamanti e ruggine

Well, you burst on the scene                                              Bene, eri esploso sulla scena
Already a legend                                                                    Eri già una leggenda
The unwashed phenomenon                                              Il fenomeno puro
The original vagabond                                                         Il capostipite del vagabondo
You strayed into my arms                                                   Ti perdesti tra le mie braccia
And there you stayed                                                            E rimanesti lì
Temporarily lost at sea                                                        Come momentaneamente perso nel mare
The Madonna was yours for free                                       La Madonna era tua per niente
Yes, the girl on the half-shell                                              E la ragazza nel mezzo guscio
Could keep you unharmed                                                  Poteva mantenerti al sicuro

Now I see you standing                                                        Ora ti vedo in piedi
With brown leaves falling all around                                Con le foglie secche che ti cadono intorno
And snow in your hair                                                          E la neve nei capelli
Now you’re smiling out the window                                  E sorridi dalla finestra
Of that crummy hotel                                                           Di quell’albergo scadente
Over Washington Square                                                     Sopra Washington Square
Our breath comes out white clouds                                   Il nostro respiro che esce in nuvole bianche
Mingles and hangs in the air                                               E si confonde e si blocca in aria
Speaking strictly for me                                                       Mentre parlavi solo per me
We both could have died then and there                          Saremmo potuti morire entrambi lì in quel momento

Now you’re telling me                                                           E ora mi dici
You’re not nostalgic                                                               Che non sei nostalgico
Then give me another word for it                                       Dai, trova una parola migliore
You who are so good with words                                        Tu che sei così bravo con le parole
And at keeping things vague                                                E a mantenere le cose sul vago
‘Cause I need some of that vagueness now                      Perché ho bisogno di quella genericità adesso
It’s all come back too clearly                                               Che tutto mi ritorna in mente troppo chiaro
Yes, I loved you dearly                                                          Sì, ti ho amato a caro prezzo
And if you’re offering me diamonds and rust                  E tu mi offri diamanti e ruggine
I’ve already paid                                                                     Che ho già pagato

 

6 Commenti

  • Giampaolo Pettazzi ha detto:

    Leggervi è sempre tempo speso bene. Complimenti.

    • Beppe Riva ha detto:

      Giampaolo ciao, Giancarlo è in trasferta con i suoi tre setter, quindi lo sostituisco nel ringraziarti per il tuo apprezzamento

  • Gianluca CKM Covri ha detto:

    Questo pezzo l’ho scoperto con i judas dal loro disco dal vivo ed ovviamente mi piacque tantissimo. Solo con gli anni scoprii che era della baez, però ignoravo il significato che stava dietro al testo originale. Grazie per la toccante spiegazione.

    • Giancarlo Trombetti ha detto:

      Beh Gianluca…se utilizzi “toccante” come aggettivo, vuol dire che sono riuscito a trasmetterti almeno le mie emozioni; o perlomeno la mia interpretazione di quelle parole. Io ci ho visto un dolore infinito, forse risarcito, ma indimenticabile. Alla prossima, mi raccomando !

  • Andrea Tomasetti ha detto:

    Complimenti sinceri
    Articolo strepitoso …niente altro da aggiungere
    Grazie Giancarlo

Lascia un commento